Atomizzatori- raffreddamento evaporativo

  • Plus

    • risparmio energetico: combina in un'unica soluzione l'umidificazione adiabatica e l'evaporative cooling fornendo una soluzione globale per il risparmio energetico all'interno della CTA;
    • gestione delle perdite di carico: optiMist garantisce un risparmio energetico reale assicurando una bassissima perdita di carico ai ventilatori (30 Pa);
    • atomizzazione controllata: per potere sfruttare completamente e senza sprechi le potenzialità dell'evaporative cooling è necessario avere un controllo molto accurato della quantità di acqua atomizzata istante per istante. optiMist combinando l'azione dell'inverter e dei circuiti di modulazione riesce a seguire in modo preciso le richieste di temperatura ed umidità;
    • igienicità: grazie ai materiali utilizzati, alla progettazione dei sistemi di distribuzione senza punti di ristagno ed ai cicli automatici di lavaggio gestiti dal controllore elettronico, optiMist è una soluzione igienicamente sicura per l'umidificazione adiabatica e l'evaporative cooling all'interno delle CTA.
  • Caratteristiche generali

    Per "Evaporative Cooling" (o raffreddamento evaporativo) si intende quel processo in cui l'acqua, evaporando nell'aria, la raffredda. Perché ciò avvenga in maniera spontanea, senza l'apporto di energia esterna, l'acqua deve essere nebulizzata nell'aria sotto forma di goccioline finissime, le quali, possedendo una tensione superficiale inferiore all'aria circostante, evaporano nell'aria stessa. 
    Perché l'aria si raffredda?
    Nessun apporto di energia esterna è necessario, tuttavia il processo di evaporazione dell'acqua ne richiede per sua natura una certa quantità. Questa energia viene sottratta dall'aria stessa, la quale, per assorbire l'acqua, deve cedere calore sensibile, abbassando la propria temperatura. Ogni kilogrammo di acqua che evapora assorbe 0,69 kW di calore dall'aria. Ecco perché, attraverso il processo di Evaporative Cooling si ottiene il duplice effetto di umidificazione e raffrescamento dell'aria, che in molti casi applicativi del trattamento dell'aria rappresentano due effetti desiderati da perseguire.
     
    Energy Saving
    Il rapido sviluppo dell'evaporative cooling nelle applicazioni HVAC è sicuramente dovuto al suo bassissimo impatto energetico. Se confrontiamo la spesa di energia dell'Evaporative Cooling con quella di altre tipiche trasformazioni dell'aria (ad esempio umidificazione con immissione di vapore oppure raffreddamento dell'aria attraverso chiller), si nota che il risparmio energetico è considerevole. L'unica energia richiesta è quella di pressurizzazione dell'acqua che viene inviata agli ugelli atomizzatori da una pompa. Il consumo è di circa 4…8 W per ogni l/h di acqua nebulizzata.