Industria tessile

  • Plus

    Umidificare l'aria per:
    • Rendere meno fragili le fibre migliorandone la lavorabilità, quindi massimizzare l'efficienza di processo;
    • Ridurre il livello di polveri nell'aria;
    • Eliminare l'accumulo di elettricità statica;
    • Raffrescare l'aria, assorbendo il calore sviluppato dai macchinari.
  • Caratteristiche generali

    Nell'industria tessile il controllo della umidità relativa dell'aria entro limiti prefissati migliora la efficienza di processo e garantisce la migliore qualità del prodotto finito. Il livello di umidità dell'aria, infatti, influisce sulle proprietà del filato e sulla sua lavorabilità.
    Quando l'aria è troppo secca, le fibre perdono di elasticità, sono più sottili, fragili e tendono a rompersi; inoltre aumenta l'attrito, che limita la scorrevolezza sulla macchina. Questo può causare fermi macchina, necessità di interventi manuali e quindi riduzione nella produttività.
    Mantenere l'umidità entro limiti stabiliti consente di ridurre anche il livello di polveri presenti nell'aria. Questo permette di migliorare la qualità dell'ambiente dove vengono lavorati o stoccati i prodotti, eliminando il rischio che piccoli batuffoli di polvere vadano ad inceppare i telai.
    Un corretto livello di umidità elimina il rischio di accumulo di elettricità statica che rende più difficoltosa la lavorazione del materiale e al limite può causare danni alle macchine.
    Fatto non meno importante, l'aria troppo secca favorisce il restringimento dei tessuti. Mantenere costante l'umidità consente di ottenere una maggiore affidabilità nel taglio e di rispettare le specifiche dimensionali, aspetto fondamentale per esempio nella fabbricazione dei tappeti.
    In alcuni casi i macchinari tessili sviluppano molto calore, che causa un indesiderato aumento della temperatura ambientale. A questo proposito i sistemi adiabatici sono la tecnologia ottimale, in quanto consento di umidificare e contemporaneamente raffrescare l'aria.
    Carel fornisce una vasta gamma di umidificatori a vapore e adiabatici, in un ampio range di portate e caratteristiche. Gli umidificatori adiabatici, in particolare, funzionano atomizzando l'acqua in milioni di finissime goccioline che evaporando spontaneamente assorbono calore dall'aria. Sono sistemi affidabili ed energy saving; i più evoluti consumano appena 4W per litro d'acqua atomizzato.