Refrigeranti naturali

Gli effetti dei refrigeranti tradizionali sull’ambiente e la loro messa al bando in alcune aree geografiche ha reso fondamentale estendere la proposta di CAREL all’uso di refrigeranti naturali a basso impatto ambientale quali Propano (R290), CO2 (R744) e ammoniaca (R717) spesso in combinazione a tecnologie di compressori a velocità variabile. In generale, lo sforzo di CAREL in questi anni è stato quello di sviluppare, in partnership con i principali costruttori di compressori, sistemi di refrigerazione industriale e commerciale in grado di utilizzare refrigeranti naturali in ogni nicchia di applicazione servita.

Un’area R&D di CAREL include le soluzioni che prevedono una riduzione dell’uso dei refrigeranti sintetici in modo da diminuirne ulteriormente il costo e l’impatto ambientale ed è proprio per questo che CAREL utilizza nella refrigerazione il diossido di carbonio (CO2).

La CO2 è difatti un refrigerante economico, ampiamente disponibile e facilmente ottenibile dalla combustione degli idrocarburi. È un refrigerante completamente verde: ha un ODP (potenziale di riduzione dell’ozono) pari a zero e un GWP (potenziale di riscaldamento globale) di uno, infatti viene utilizzato per il confronto nella valutazione dell’effetto serra dei gas.

Dal punto di vista della sostenibilità, utilizzare CO2 è una scelta più eco-compatibile rispetto all’impiego di qualsiasi refrigerante HFC/HFO. Inoltre, rispetto ad altri refrigeranti naturali, la CO2 non è infiammabile (a differenza degli idrocarburi, come R290) e non è tossica (a differenza dell’NH3), ma è potenzialmente meno efficiente. Grazie all’effetto dell’accordo di Kigali e alla conseguente progressiva eliminazione dei gas HFC/HFO, la CO2 diventerà progressivamente il refrigerante standard. Esperienza, know-how e innovazione sono i valori cardine su cui le soluzioni CAREL fanno perno. La tecnologia di controllo CAREL punta su affidabilità ed efficienza per questo tipo di impianti, con particolare attenzione ai climi più caldi dove il risparmio energetico risente della bassa temperatura del punto critico (31°C).

CAREL offre soluzioni complete per regolare nel modo ottimale applicazioni frigorifere che utilizzano la CO2 come fluido refrigerante. Si tratta di soluzioni tecnologicamente avanzate in grado di gestire la complessità del sistema legata alla pressione in gioco, alle condizioni climatiche e alla capacità frigorifera necessaria.

Nel corso del 2019 è avvenuta un’ulteriore espansione in ambito di installazioni con refrigeranti naturali, sostenuta anche da una forte domanda dai mercati sudafricano, australiano e asiatico. In particolare, la Cina presenta grandi opportunità di crescita, a seguito del successo delle prime installazioni nel corso del 2018.

Hecu sistema è la soluzione CAREL ad alta efficienza per condensing unit per la refrigerazione commerciale. In evoluzione verso i refrigeranti naturali integrando la gestione di compressori inverter DC per il refrigerante CO2. Utilizzando compressori inverter DC, Hecu sistema è in grado di offrire un’effettiva modulazione della capacità frigorifera, che consente di ottenere bassi consumi di energia soprattutto a carichi parziali. Le prestazioni eccellenti raggiungibili con la CO2 permettono di soddisfare sia la direttiva Eco-design sulle prestazioni energetiche sia di superare i limiti imposti dal Regolamento F-Gas nelle applicazioni con le condensing unit.

China Refrigeration ha inoltre riconosciuto Hecu CO2 come Innovation Product 2019 per la categoria Refrigerazione, riconoscendola come soluzione all’avanguardia per l’utilizzo efficiente dei refrigeranti naturali e sottolineandone le potenzialità per una diffusione anche in Cina.

L’impegno di CAREL trova conferma nell’andamento dei progetti per gli impianti di refrigerazione nel food retail che, come si vede nella figura, vedono una continua crescita delle soluzioni a CO2 e, tra queste, un deciso spostamento dalle tecnologie tradizionali a quelle più efficienti a velocità variabile.

È in continua crescita in tutto il mondo il trend delle installazioni con refrigeranti naturali, trainato principalmente da Europa e Giappone. In tale contesto, negli ultimi tre anni CAREL ha triplicato il numero di progetti a CO2 con tecnologia DC inverter garantendo alta efficienza anche con l’utilizzo di refrigeranti naturali.

CAREL intende quindi contribuire a diffondere la cultura del risparmio energetico e di una refrigerazione attenta all’ambiente, ed è per questo che ha intrapreso diversi progetti in materia di sostenibilità. Nel 2019, in collaborazione con l’Università di Zagabria, si è tenuto un workshop sul corretto utilizzo dei refrigeranti naturali, con il contributo del Life Program della Comunità Europea.

 

visita natref.carel.com