Efficienza energetica

Il continuo efficientamento degli impianti di condizionamento e refrigerazione è uno dei capisaldi di CAREL. In aggiunta all’orientamento verso sistemi meno "energivori", il focus di CAREL è rivolto anche all’alimentazione degli stessi. La transazione degli impianti per il riscaldamento tradizionali a gas o a combustibile fossile verso soluzioni a pompa di calore elettrica, permettono potenzialmente un maggiore sfruttamento di fonti rinnovabili. Le principali progettualità e innovazioni degli ultimi anni nelle tecnologie HVAC/R hanno riguardato:

  • l’ottimizzazione degli impianti e dei circuiti frigoriferi;
  • l’introduzione di compressori a velocità variabile con tecnologia BLDC, che hanno consentito gradi di efficienza nelle applicazioni come le pompe di calore;
  • dispositivi specifici per applicazioni con refrigerante CO2, che hanno permesso di rendere più efficienti gli impianti e di estendere l’uso di questo refrigerante in aree geografiche più calde;
  • il sistema Heez, che ha consentito di realizzare il sistema integrato di controllo per bottle cooler più efficiente al mondo. Il sistema Heez è un’applicazione a Propano a velocità variabile che permette alle applicazioni di distribuzione delle bevande di diminuire il loro impatto ambientale.

CAREL non si è limitata all’ottimizzazione di macchina ma si è spinta verso soluzioni che permettano anche l’ottimizzazione di impianto, come il sistema Heos (High Efficiency Showcase), in cui la refrigerazione in un supermercato viene radicalmente trasformata da un sistema di produzione centralizzata di liquido refrigerato ad un sistema distribuito, in cui ogni banco frigorifero può essere ottimizzato per minimizzare il consumo dell’impianto complessivo.

Anche in ambito HVAC è rivolta particolare attenzione all’umidificazione adiabatica che permette una produzione di umidità con un minor uso di energia rispetto all’umidificazione isotermica. Una delle applicazioni di ricaduta consiste nel raffreddamento evaporativo, con un consistente efficientamento del controllo di temperatura, soprattutto in applicazioni di trattamento dell’aria.

Nel 2019, è proseguito l’approccio al mercato di CAREL in cui non si propongono singoli prodotti ma soluzioni integrate che permettano di rispondere completamente alle esigenze di una applicazione. Per quanto riguarda le tematiche di sostenibilità e di rispetto per l’ambiente, CAREL ha svolto un’analisi sul consumo elettrico annuale di un’unità frigorifera che monta un componente CAREL selezionando un panel di soluzioni. Il valore di consumo è calcolato sulla base di criteri di design standard (e.g. refrigerante, ore di lavoro, efficienza, carico medio di lavoro, sovradimensionamento componenti). A tale consumo elettrico si applica il risparmio energetico che è stato ricavato come media dai case study interni per quel dato componente CAREL e per una data applicazione nel settore del freddo alimentare o del condizionamento dell’aria. L’utilizzo di prodotti CAREL da parte dei clienti ha permesso nel corso del 2019 un risparmio pari a 6.562 GWh.

Monitoraggio, analisi dei dati e ottimizzazione di impianto

La nuova divisione IoT ha permesso a CAREL di concentrare l’attenzione in soluzioni che consentano, oltre al tradizionale monitoraggio di impianto e alla gestione dell’allarmistica, anche più evolute soluzioni di ottimizzazione di impianto. I dati di funzionamento dell’impianto permettono agli energy manager di aumentare la consapevolezza sulle prestazioni degli impianti gestiti. Inoltre, tale gestione consente di valutare eventuali cali di performance, essenziali per attivare programmi di manutenzione programmata. In tale ambito, si inseriscono anche servizi di monitoraggio ed ottimizzazione di impianto dove i datiprovenienti da più impianti simili vengono confrontati per poter allineare gli impianti meno efficienti alle prestazioni dei più performanti.

L’ottimizzazione di impianto può essere altresì ottenuta coordinando il funzionamento dei vari dispositivi che compongono l’impianto in funzione del suo utilizzo, delle condizioni ambientali o dell’uso degli impianti stessi.

Anche nei casi più semplici, l’introduzione di un sistema di controllo evoluto permette una notevole riduzione del fabbisogno energetico di macchine e impianti, grazie a funzioni come, ad esempio, l’ottimizzazione di accensioni e spegnimenti piuttosto che l’utilizzo di solo in caso di effettiva necessità.